Glasperlenspielen

Havel havalim, ‘amar QoheletHavel havalim, akol havel.[Qohelet]Però tu stesso sei nato nuovo sotto il sole. E il poema di cui sei l’autore è anch’esso nuovo sotto il sole, perché prima di Te non lo ha scritto nessuno. E nuovi sotto il sole sono tutti i tuoi lettori, perché quelli che sono vissuti prima di te, dopotutto, non hanno potuto leggerlo. [Wislawa Szymborska]Mio Dio, ti canterò un canto nuovo, suonerò per te sull’arpa a dieci corde[Salmo 144]Novis te cantabo chordis,O novelletum quod ludisIn solitudine cordis.[Baudelaire]Oggi è data possibilità e libertà di compiere la pura fondazione di Dio, cioè di attuare finalmente l’ingresso di Dio all’essere e all’esserci, di effettuare finalmente l’inizio puro e l’avvento positivo di Dio; inteso Dio come Dio nuovo, strutturato secondo pura antimemoria e puro futuro, quindi Dio puramente non creatore e anticreatore che assume tutta la nostra irrealtà soprarealtà dentro un rapporto fondamentale opposto a quello di qualsiasi creare ed essere creato. [Tartaglia, Tesi per la fine del problema di Dio]Nam tibi praetera quod machiner inveniamque,quod placeat, nil est: eadem sunt omnia semper.Si tibi non annis corpus iam marcet et artusconfecti languent, eadem tamen omnia restant,omnia si perges vivendo vincere saecla,atque etiam potius, si numquam sis moriturus.[Lucretii…

“Dunque, amandoti necessariamente del maggiore amore che tu sei capace, necessariamente desideri il più che puoi la felicità propria; e non potendo mai di gran lunga essere soddisfatto di questo tuo desiderio, che è sommo, resta che tu non possi fuggire per nessun verso di non essere infelice.” Giacomo Leopardi, Dialogo di Malambruno e Farfarello, in Operette Morali.”Analogamente, o monaci, tutto ciò che non è vostro abbandonatelo. Quando lo avrete abbandonato, ciò sarà per voi di vantaggio e felicità per lungo tempo. E cosa non è vostro? La forma materiale non è vostra… La sensazione non è vostra… La percezione non è vostra… Le formazioni non sono vostre… La coscienza non è vostra. Quando avrete abbandonato tutto ciò, ne riceverete vantaggio e felicità per lungo tempo.”Alagaddupamasutta, in La rivelazione del Buddha, vol. I, Mondadori, Milano 2001, p. 248.”Ma questo come può avvenire?Elimina ogni cosa.”Plotino, Enneadi, V, 3, 17, trad. G. Faggin, Rusconi, Milano 1992, p. 855.