Categoria: काव्य

13 aprile, sabato

Oggi – senti – ho visto
un serto luminoso di parole
appeso lì nell’aria, appena mosso
del tremore dei mondi, pieno-vuoto
una rete leggera che suonava
anzi no sussurrava e sospirava
esseri e cose e connessioni: ed altro.

Ho preso carta e penna e in un momento
s’è infranta ed è crollata e n’è rimasta
una cosa soltanto che leggera
s’è posata sul foglio nereggiando:
è.

Completa la faccenda
cancella tu quel segno, per favore:
a me non basta il cuore.

Sotto al ponte

Sotto al ponte ci son tre bombe
e due ragazzi passano parlando ad alta voce
uno dice di Marx, l’altro dei Van Halen
e non vedono il lupo né le bombe.

Sotto al ponte ci son tre bombe
mio-tu che al fianco m’inesisti, lascia stare
per l’amore c’è tempo, ascolta adesso
sotto al ponte i due parlano
poi uno dei due prende la chitarra e suona
One dei Metallica e l’altro ascolta, e gli piace
ed è quasi felice, e non sa del lupo né delle bombe.

Sotto al ponte si siedono, uno tira fuori una cartina
e si fa una canna, l’altro lo guarda,
guardare è la cosa che sa fare meglio,
guarda in silenzio senza pensare a niente,
assiste, per così dire,
senza che il suo assistere diventi testimonianza:
e ignora, soprattutto, le bombe e il lupo.

Sotto al ponte il ragazzo della canna ribadisce la sua tesi
che l’heavy metal è l’unica vera rivoluzione
e il marxismo è roba morta e sepolta
ed ha quel suo sorriso malizioso
che l’altro un po’ gli invidia, indeciso
se dirlo borghese o proletario
al di qua o al di là della barricata:
non si preoccupa delle bombe, né del lupo.

Sotto al ponte ci son tre bombe
la deriva del tempo ha fatto il suo lavoro
– e da noi trarrà singhiozzi e rabbia
ma non pensiamoci ora, mia cara –
il ragazzo passa quasi correndo
si vede che la sua vita è altrove
l’altro gli dice che i pick-up della Fender sono i migliori,
è una cosa tra loro due, e l’altro ride,
alza le braccia e si dà alla corrente

Sotto al ponte ci son tre bombe
e una chitarra con le corde spezzate
che un lupo custodisce come un cucciolo.

Usciamo fuori dalla tribù,
amore mio che m’inesisti accanto.

Non è nulla

Versare il mio sangue è ormai lecito a tutti,
senza taglione o riscatto.
Nezami, Leyla e Majnun, Adelphi, p. 38.


Lascia stare
non scoccare
la tua freccia
zitto e ascolta
non è un cervo
né una lepre
che si muove
tra i cespugli
forse è un uomo
o forse no.

Proprio qui proprio qui proprio qui passa
lombrichi cavallette scarafaggi
proprio qui passa il filo luce corda
rospi serpenti bestie della terra
qui passa la catena che ci tiene
animanti del cielo uccelli teneri
qui sotto al cuore passa la catena
la rete che ci spinge e ci trascina
insieme vivi insieme morti insieme
sofferenti gioiosi schiavi liberi.

Sembra un uomo
mezzo pazzo
nudo come
un animale
ha le mani
nella terra
parla e piange
parla e ride
forse è un uomo
o forse no.

Un tempo camminavo sulle gambe
e tutti conoscevano il mio nome
ma qualcosa è successo non so dire
se scala inciampo trappola o via:
ho visitato la notte e la luna
ho visto l’altro lato delle cose
la faccia tenebrosa della luce
la faccia luminosa della tenebra
l’amore ragnatela che fa folli
l’amore ragnatela che fa saggi.

Non è un uomo
né una bestia
guarda bene
non è nulla
scocca pure
la tua freccia
prima che altre
cose dica
forse è tardi
o forse no.

Oë #1-7

1.
O’ skuirtë allanutë arravugghiëtë
nda’ nassë dë jurnëtë senza solë
ognë cosë më dicë fujëtennë
ognë cosë më dicë ndë fëdannë
puië fujë quannë vujë ma là stëcë
u mëlë ke të frekë ke cë frekë.

2.
Më sugutejë cume nu kënë a nottë.
Tu durmë. Ijë guardë a lamjë, më rëgerë
achiudë l’ucchjë pë cërcà na lucë
e trovë ombrë ke chiagnënë e më guardënë.
Allongë a mënë e t’accarezzë a guancë.
Ndo stëjë? Pëkkë nën stëjë këmmè? Pëkkë
Nën parlë? E’ na fëretë stu sëlenzjë
che u jurnë nën guarescë. E’ na fëretë
rëspërà, ave’ nu nomë, essë qualcunë.
Oë stëcë. U saccë. Stëcë e nun so’ ijë
e so ijë e cë stëkë. Cettë, cettë!

3.
Nën tenë amorë u munnë stammatenë.
Chiovë na jotta lordë. L’ëvë ngannë
u jurnë. L’agghië ngannë. Mmizzë a strëdë
na zokkëlë më guardë e po’ spareshë.
Pëkké nën crepë mo? Pëkké nën crepë?

4.
Sott’a n’ulivë vulessë cu’ttë
leggë Lucrezjë ndo parlë d’a mortë
e dë cumë cë fëcë dësgrazjëtë
e po dormë nu pokë dësgrazjëtë
pur’ijë dësgrazjëtë purë tu
nd’a grazjë dë l’ulivë. Sottë ai cosë
stëcë na vocë cha parlë a nisciunë
nda lengë dë nësciunë. Ma tu a sindë?
I capescë i parolë? Më capescë?

5.
तत् terra mbossë nerë terra apertë
तत् terravokkë terra ke tëmagnë
तत् nottëterrë nottëke të sputë
तत् portakiusë portë ke त्वम् असि.

6.
Corë ke battë cumë pë dispittë
pë vëdè chi è chiù fortë, tu o a vetë,
corë ke decë sè e terë annanzë,
corë scujrtë, corë senza pëcë
spakkëtë in dëjë cumë e nu granëtë
tu cësa scuffulëtë portarottë
jurnë ke sëpë quantë è bellë a nottë.

7.
Peggië dë nu criaturë ke pazziejë
t’ammuccë arret’a n’albërë a nu stepë
a na faccë a na nuvëlë: e m’aspittë.
E quandë m’avvëcenë të në vëjë
e po’ t’ammuccë ancorë. Nën cë stëjë
e stëjë, më kiëmë e të stëjë cettë
si’ cosë e nën zi’ nindë. E quistu jukë
trattenë ciëlë e terrë, sangë e ossë.
धर्मक्षेत्रे nën tengë arkë né freccë
né parolë né vocë né sustanzë.
Oë shkettë, Oëejë, Oë nomë ke së spakkë.

Sulla soglia

Sulla soglia del nome e della forma
s’affanna intorno al mondo con stupore
aperto al cielo che gli passa dentro
vaso che non trattiene e si spaura
e si chiede cos’è quest’altra vita:
il mio-me che si spacca e va perdendo
ogni residua stella e nella notte
non ha confine traccia o segnatura:
solo sta nella vita, e tutto è nuovo.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén